Il futuro della medicina è digitale

Ippokrates è una startup che opera nel campo medico e mette a disposizione dei pazienti teleconsulti con specialisti da tutto il mondo per una diagnosi più completa

di Virginia Curzi   1 dicembre 2023

  • linkedinfacebooktwittere-mailpinterest

Psicoterapia da remoto, visite mediche, esami diagnostici a domicilio, video consulti online: dopo il covid, gli investimenti in digitalizzazione sono aumentati e sono nate nuove strategie di assistenza che prevedono le cure a distanza. Ippokrates è una startup che opera nel campo medico e mette a disposizione dei pazienti teleconsulti con specialisti da tutto il mondo. La principale funzionalità è un servizio di triage che individua il problema del paziente e lo specialista più adatto a risolverlo. “La società è nata perché spesso i pazienti chiedono di poter confermare o rivalutare una diagnosi, per avere un quadro clinico più completo”, spiega il fondatore e amministratore delegato Federico Gabrielli. “La telemedicina può affiancare i modelli di cura più tradizionali. Siamo ancora in una fase di gap tra quello che si potrebbe fare e quello che si riesce a fare”.

 

Ippokrates si avvale di un comitato di consulenti in ambito medico, che seleziona i migliori specialisti al mondo nelle diverse aree mediche. “Rispetto alle altre piattaforme di telemedicina già sul mercato, che lasciano decidere al paziente a quale esperto rivolgersi, offriamo in prima battuta un servizio di triage che permette di comprendere meglio l’esigenza del paziente e individuare lo specialista giusto”, spiega Gabrielli. “I pazienti dovranno poi solo prenotare il videoconsulto in base alle rispettive disponibilità. Gli utenti potranno fornire tutta la documentazione medica necessaria in modo che il medico possa fare un referto il più completo possibile”.

 

La richiesta di una seconda opinione in ambito medico è in crescita in tutto il mondo. La startup si rivolge a un bacino di utenti globale. “Ora siamo in fase di interlocuzione con importanti fondi per un aumento di capitale e nuovi ingressi nella compagine societaria. Tra gli obiettivi futuri c’è sicuramente quello di continuare a crescere e avere un impatto sempre più positivo sulla salute dei pazienti. Tantissime persone sono affette da patologie rare e non tutti possono permettersi un viaggio dall’altra parte del mondo per incontrare lo specialista migliore, noi possiamo offrire il nostro aiuto a tutti quei pazienti in cerca di una diagnosi certa e la migliore terapia possibile. Tutto questo ci permette di dare seguito alla nostra visione: costruire una società sempre più sana”.

  • linkedinfacebooktwittere-mailpinterest